Bambini e natura: Asilo outdoor a Milano

Abbiamo passato una giornata con La Giocomotiva a Bosco in città per vedere come funziona l'agri school e a cosa serve


Cappello, pantaloni antivento, zainetto e occhi sgranati. Davanti a Bosco in città scendono così dal pullman i bambini della scuola dell’infanzia familyfriendly La Giocomotiva Zocchi, che una volta la settimana qui fanno “scuola”. Asilo outdoor de La Giocomotiva, nidi e materne da 18 anni (proprio quest’anno) dove Giuseppe e Patrizia (i fondatori) hanno scelto come strumento educativo nelle tre sedi in città la teoria delle Intelligenze Multiple di Howard Gardner. Tutte le settimane, sole, pioggia o neve. La scuola il giovedì è qui (la materna La Giocomotiva di via Bonghi va in Cascina Guzzafame).

OUTDOOR EDUCATION: I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA LA GIOCOMOTIVA FANNO ASILO NELLA NATURA

I bambini de La Giocomotiva a Bosco in città

 

 

 

Ore 10 appuntamento per Radiomamma in via Novara all’ingresso del Bosco e alle 10 puntuali eccoli che arrivano.  La giornata è all’aperto, qualunque sia il tempo. Ci sono spazi al coperto e riscaldati usati per la nanna (dei piccoli) e per il pranzo quando fuori è proprio troppo freddo. Ma la giornata di asilo è all’aperto, è outdoor education

Arrivo: I bimbi scendono dal pullman, tutti equipaggiati, con zainetto con borraccia e stivali o scarponcini ai piedi. Si “agganciano” alla corda che li aspetta e quando tutti sono ai loro posti…si parte. Il pedibus entra nel Bosco. Le educatrici (staff al completo, perché la scuola oggi è qui) sono accanto (si canta e si chiacchiera). Giuseppe e Patrizia tengono la regia e il carretto con le rotelle. Cosa contiene? Il cibo…caldo

Prima tappa: Il pedibus raggiunge la Cascina del Bosco in pochi minuti e qui inizia la preparazione. Zainetti negli armadietti (sì come quando si è in sede), chi deve coprirsi ancora lo fa e si inizia a “giocare” con quello che si trova, aspettando che tutti siano pronti. La terra fangosa, dopo una giornata di pioggia, scatena subito i piedini

Merenda: Tutti sotto il chiostro. Ci sono i tavoli in legno e i bambini si siedono. Ma gli occhi non stanno mai fermi. E si vede che scalpitano…vogliono andare…

Gioco e attività: Pancia piena si va…Nel grande prato dietro la Cascina. Liberi tutti. Nessun’attività predefinita né proposta. Sono i bambini che si “ingegnano”, si “attivano” e trovano cosa fare e come passare il tempo. Niente “ora raccogliamo i fiori”, “ora giochiamo a bandiera…” da parte delle educatrici. I bambini giocano liberi, con le educatrici che osservano, da lontano. Si rotolano nell’erba, si arrampicano sugli alberi, trovano tronchi e bastoni e inventano storie, si rincorrono. Si organizzano. Alcuni in gruppetti, altri in grupponi, altri in solitaria. È un gioco libero, ma non confuso. I bambini sembrano sapere cosa fare e cosa vogliono

Pranzo: All’aperto sotto il chiostro quasi sempre, dopo essersi lavati le mani. Il pasto è quello preparato dalla cucina de La Giocomotiva. Niente panini e pranzo al sacco, ma un vero pasto: primo e secondo. Ci sono “i camerieri”, ci sono i “piatti”, si canta la canzone del buon appetito. Insomma, è un pranzo “normale”. E gli occhi sono sempre in giro. Oggi (il 10 gennaio) un muletto che trasportava tronchi era l’attrattiva principale… “che tronchi grandi!” “ma dove li portano?” Cosa ci ha colpito? Il silenzio. I bambini parlano e chiacchierano e fanno domande, ma dimentica il caos dei momenti senza attività. Come è possibile? “E’ sempre così, quando siamo nella natura”, ci hanno confermato le educatrici

Pomeriggio: Dopo mangiato nanna per i piccoli (“non resistono, sono stanchissimi”). Salone caldo con brandine. I grandi vanno alla scoperta del bosco. Breve passeggiata, cercando di sentire i rumori degli animali e gioco in una zona “nascosta” piena di “capanne” fatte da legni e tronchi e foglie. Verso le 15 il raduno e, recuperati gli zaini, via si torna al pullman e a casa

AGRI SCHOOL: A COSA SERVE L’OUTDOOR EDUCATION ALLA SCUOLA DELL’INFANZIA

Asilo nella natura con La GiocomotivaLa Giocomotiva nelle sue scuole dell’infanzia prevede un giorno alla settimana outdoor. Non è la gita nella natura, ma è un giorno di scuola fatto nella natura. Giuseppe Bilancioni e Patrizia Cascella non hanno dubbi “E’ quello che serve ai bambini…”

  • PER CONOSCERE Il bosco, la natura aiutano i bambini ad attivarsi. L’immersione nel digitale li fa sembrare adulti a 3 anni, ma manca la percezione dei significati. Se interagisci con la terra invece sai davvero cosa sono il duro, il caldo e il freddo. I bimbi usano sempre meno le mani per conoscere e invece questo è fondamentale

 

  • PER RELAZIONARSI CON GLI ALTRI E AUTOREGOLAMENTARI Nella scuola outdoor lasciamo agire il contesto. Diamo delle regole a inizio anno (per esempio i bastoni non devono essere lunghi più di un tot e si devono usare in un certo modo), ma le educatrici fanno da regia, non impostano le attività. I bambini necessitano sempre più di contesti di relazione tra pari non impostati da adulti. Una volta c’erano il cortile, il condominio, la famiglia grande dove il piccolo e il grande convivevano e imparavano sul campo che non erano il centro del mondo e che ognuno deve avere un suo ruolo nel gruppo. La natura è la palestra relazionale come era il cortile. Oggi le scuole (a partire dalla scuola infanzia) devono farsi carico della socializzazione tra pari in cui adulto non è organizzatore. Nella natura riprendono le competenze per regolare e regolarsi nella fisicità e nelle relazioni con i pari. Imparano la contrattazione e interiorizzano regole che nella vita purtroppo sono sempre e solo gestite dagli adulti.

 

  • PER ACQUISIRE VALORI La scuola outdoor è anche scuola di valori. Se vuoi costruire un arco con i compagni devi trovare il legno giusto, uno tiene da una parte e l’altro dall’altra e il terzo fa leva. Devi stare lì, comprenderlo, ascoltarlo e ascoltare i tuoi compagni e trovare la soluzione. Impari tenacia, pazienza e collaborazione. Impari sperimentando. I tempi e le caratteristiche della natura ti permettono di esperire i valori

 

LA GIOCOMOTIVA COMPIE 18 ANNI: FESTEGGIA CON UN WEEKEND DI OPEN DAY

Sabato e Domenica (il 26 e 27 gennaio) open day di festeggiamenti

sabato 26/01 ore 11.00-13.00: Via Zocchi (micronido e scuola dell'infanzia 0-6 anni)

sabato 26/01 ore 16.00-18.00: Via Boschetti (asilo nido 3-36 mesi)

domenica 27/01 ore 11.00-13.00: Via Bonghi (asilo nido e scuola dell'infanzia 0-6 anni)

 


Aggiungi un commento

Image CAPTCHA

La Giocomotiva asili Milano
Outdoor education alla Giocomotiva asili Milano

Può interessarti anche:

Iscriviti alla newsletter di Radiomamma

Leggi le ultime notizie pubblicate:

Scarica l'APP di
Radiomamma!