Youtube spiegato ai genitori

Cosa è un canale, come si apre, a che età si può e a cosa fare attenzione. I consigli e le istruzioni per le famiglie, degli esperti di Coder Kids


In spiaggia, al parco, in montagna, a scuola. Non parlano d’altro: “YouTube”, dai 10 anni in su non esiste altro. E mamme e papà? Cosa è un canale YouTube e cosa succede se dico di sì a mio figlio che lo vuole e cosa devo fare poi io…. In collaborazione con Coder Kids, che da anni organizza corsi di programmazione per bimbi nelle scuole e a domicilio. Una volta al mese parliamo di una parola “nuova”, per renderla più amica anche a mamme e papà dei nativi digitali. Questa volta parliamo di YouTube

Canale YouTube: cosa è e cosa serve per aprirlo
 

Il canale YouTube è “il posto” dove puoi postare, pubblicare i tuoi video. Senza un canale YouTube puoi guardare video, fare clic su Mi piace e iscriverti ai canali. Solo se hai il tuo canale invece puoi caricare video, inserire commenti o realizzare playlist. Per aprire il tuo canale serve solo avere un account Google. Non sono necessari programmi o device specifici, ti basta avere un computer o uno smartphone connessi. Accedi a YouTube e provi a fare una qualsiasi operazione che richieda un canale, ad esempio caricare un video. E subito ti viene chiesto di creare il tuo canale, se non ce l'hai. Basta allora seguire le istruzioni

YouTube: i limiti di età per accedere

Per accedere a YouTube e per avere un proprio canale, devi avere almeno 16 anni in Italia (l'età minima per poter gestire un account Google). Con Family Link (l’’app di parentale control della Google) i genitori possono aiutare i figli a creare e gestire l' account Google, finchè non hanno l'età minima per farlo da soli.
 

Ragazzi e YouTube: come proteggerti

  • Limita gli utenti che possono visualizzare i tuoi video. Imposta i video che pubblichi come video "privati" o "non in elenco" così possono essere visti solo da te e dagli utenti che selezioni.
  • Leggi con un adulto la pagina delle impostazioni di privacy e sicurezza
  • Segnala gli utenti e i contenuti molesti attraverso lo strumento di segnalazione di YouTube.
  • Ricordati che puoi eliminare il canale in ogni momento, ma non puoi eliminare i dati collegati al tuo account Google, come per esempio i commenti
  • Usa la funziona “Moderazione dei commenti sui canali” Sono una serie di strumenti che ti permettono di cancellare i commenti pubblicati sul tuo canale o di moderarli, prima che vengano visualizzati.

 

Genitori di Youtuber, cosa fare

  • Sia che i tuoi figli abbiano un loro canale, sia che siano spettatori, non lasciarli soli davanti al video. Chiedi loro di  navigare e giocare nelle stanze dove ci sono altri adulti e possibilmente senza cuffie, così puoi sentire cosa stanno facendo. Un’idea, con i ragazzi più piccoli (10-11 anni) è chiedere che facciano un elenco dei loro video preferiti e proporgli anche il tuo. Poi li guardate insieme e vi confrontate

 

  • Se hanno meno di 16 anni usa gli strumenti di gestione dei loro account. Tra gli strumenti utili c'è la Modalità con restrizioni: attivando questa funzione puoi specificare che non vuoi visualizzare contenuti potenzialmente inappropriati su YoTube;

 

  • Controlla chi seguono online e con chi interagiscono. Visita il canale dei tuoi figli adolescenti. Scopri i loro contenuti preferiti e a quali canali di Youtube sono iscritti.

 

  • Se “concedi” l’uso di YouTube e l’apertura di un canale, allora fai vivere i tuoi figli la serietà di questo passo. Supportali  sia nella scelta delle loro playlist che nella creazione di una sorta di piano editoriale di quello che vogliono pubblicare. Devono fare un piano prima di partire: cosa vogliono raccontare, perché sono interessati a farlo, in che modo, a chi vogliono rivolgerti, per quanto tempo pensano di dedicarsi a questo "lavoro". E fornisci loro gli strumenti tecnici per lavorare con i video, in modo da fare un prodotto di qualità Spingili a darsi questo obbiettivo. Se vuoi fare lo youtuber, fallo bene. Fatti una scaletta di quello che vuoi fare e dire, dai un inizio, una fine, un titolo lavora sui filmati, acquisisci competenze tecniche, stai attento al linguaggio. Fagli vedere esempi di realizzazione positivi e spingili a cercare il meglio

 

  • Informati e Informali. Studia le impostazioni sulla privacy e sulla sicurezza e impara a usare tu YouTube in sicurezza. Poi spiega bene ai ragazzi cosa significa pubblicare un video del loro faccione nella loro cameretta. Quali sono i rischi? Ragiona con i ragazzi.  Dai loro informazioni sulla sicurezza senza terrorizzarli, ma facendoi capire la serietà della cosa. E insegna, almeno ai più piccoli, la regola numero uno: bisogna condividere con mamma o papà il video, prima di pubblicarlo

 

CORSI PER RAGAZZI A MILANO

Coder Kids organizza corsi nella sede di via Prina, a domicilio con minigruppi e durante i Summer Camp
Non sono corsi di "YOUTUBE" ma di Videoeding, sono corsi 'tecnici' che spiegano come montare un video, come aggiungere la musica, come fare un passaggio di sente etc. Sono per ragazzi dalla prima media in poi. Il numero di lezioni va da un minimo di 6 ed i costi sono dati dalla durata e dal numero di partecipanti. I bambini devono utilizzare il proprio pc.

 


Aggiungi un commento

Image CAPTCHA

Figli youtuber
Youtube spiegato a figli e genitori

Può interessarti anche:

Iscriviti alla newsletter di Radiomamma

Leggi le ultime notizie pubblicate:

Scarica l'APP di
Radiomamma!