Anno scolastico all’estero: il racconto di chi l’ha vissuto

Il racconto di una studentessa che ha fatto il 4 anno di superiori all’estero. E tutte le informazioni per te nella Guida di Radiomamma e School and Vacation


Cosa succede quando un ragazzo o una ragazza decidono di frequentare un anno di superiori all’estero? Per conoscere regole, leggi e sapere come organizzarti c’è la GUIDA ALL'ANNO ALL'ESTERO E VACANZE STUDIO IN UN PAESE STRANIERO che Radiomamma e School and Vacation hanno creato insieme per accompagnarti passo a passo a organizzare un’esperienza e un’avventura, che ti cambierà (in meglio!) la vita e il curriculum vitae. Per sapere cosa succede a chi prova quest’esperienza di vita chi meglio di una studentessa che l’ha sperimentato e della mamma che l’ha vista partire e tornare?

ANNO ALL’ESTERO: LE DIFFICOLTA’ E LE COSE IMPARATE. IL RACCONTO DI UN EXCHANGE STUDENT E LA SUA MAMMA

Maria Vittoria (Mavi) ha 18 anni, è di Milano ed è stata un anno in Colorado. Qui frequenta il liceo delle scienze umane Agnesi. La mamma è Maria Grazia

 

Come hai capito che era un'esperienza che volevi fare?

Mavi: Ho sempre amato l'America e le sue scuole (come il Film High School!!). E poi volevo imparare bene l'inglese.

Maria Grazia: Maria Vittoria ha sempre avuto una gran passione per la lingua inglese e la voglia di mettersi alla prova.

Due cose che ti hanno preoccupato prima della partenza?

Mavi: Temevo di sentire la mancanza della mia vita in Italia e delle mie comodità. Avevo paura di non trovare una famiglia accogliente e dover sopportare un clima rigido invernale.

Maria Grazia: Quello che temevo maggiormente è che capitasse in una famiglia non adatta a Mavi e che non la trattassero come una di famiglia. E poi mi preoccupava che potesse provare troppa nostalgia di casa propria!

Quali sono state due cose positive dell'esperienza?

Mavi: Ho una seconda famiglia. Sono tornata con tanto amore e attaccamento per la mia famiglia americana. E poi sono tornata con una grande conoscenza della lingua inglese.

Maria Grazia: Sicuramente due cose positive. La conoscenza della lingua e quindi un arricchimento personale. Ma anche una prova di grande maturità dimostrata.

Una difficoltà che hai vissuto durante il soggiorno e al ritorno?

Mavi: I Primi tempi avevo difficoltà a capire quando mi parlavano e comprendere le loro abitudini. Una volta tornata la cosa più difficile è stata gestire la nostalgia della mia famiglia americana e della vita che ho fatto là.

Maria Grazia: Durante l’anno in Colorado una difficoltà per Mavi sono state le incomprensioni con la sorella minore. Una volta tornata il vivere una nostalgia struggente della sua vita americana. E affrontare la paura di perdere la conoscenza conquistata della lingua.

In cosa è cambiata la tua vita dopo un anno di studio all'estero?

Mavi: Sono diventata più determinata. Penso di riuscire ad affrontare le difficoltà della vita.

Maria Grazia: Sono orgogliosa della prova di Mavi e della sua abilità. Impariamo sempre qualcosa da lei.

 


Aggiungi un commento

Image CAPTCHA

La guida di Radiomamma allo studio all'estero
Organizza l'anno scolastico all'estero

Può interessarti anche:

Iscriviti alla newsletter di Radiomamma

Radiomamma card Ottieni Radiomamma Card Scopri i vantaggi

Leggi le ultime notizie pubblicate:

Scarica l'APP di
Radiomamma!