Anno scolastico all’estero: la Guida

Come organizzarti, cosa chiedere alla tua scuola e cosa ti serve sapere per fare studiare tuo figlio all’estero durante le superiori


“In questa scuola cosa pensate dell’anno scolastico all’estero?”. Durante gli open day delle scuole superiori in queste settimane la domanda c’è sempre. Eh sì, perché 1 diplomato su 3, nel 2018, ha trascorso un soggiorno di studio all’estero (32,9% dicono i dati di AlmaLaurea). Ci stai pensando? Ma quanti dubbi e domande😊

Ecco le risposte di Lucrezia Bozzi, Project Manager & Quality Control di School and Vacation, agenzia che organizza l’anno scolastico e le vacanze studio all’estero per bambini e ragazzi Ed ecco la GUIDA ALL'ANNO ALL'ESTERO E VACANZE STUDIO IN UN PAESE STRANIERO , che Radiomamma e School and Vacation hanno creato insieme per accompagnarti passo a passo a organizzare un’esperienza e un’avventura, che ti cambierà (in meglio!) la vita e il curriculum vitae.

ANNO SCOLASTICO ALL’ESTERO: LE FAQ DEI GENITORI E LE RISPOSTE DEGLI ESPERTI

Qual è l'anno delle superiori migliore per fare l’anno scolastico all’estero e quanto prima bisogna organizzarsi?

Tendenzialmente gli studenti italiani iniziano ad informarsi all’inizio del terzo anno per frequentare il quarto anno accademico all’estero. È possibile partire anche durante il terzo anno, ma questo è un anno di “transizione” per questo motivo è meno gettonato dagli studenti. Ci vuole tempo per organizzare al meglio il tutto. L’iter di iscrizione prevede tre step: un colloquio di orientamento con il superamento del test di lingua, l’iscrizione al programma e la compilazione del dossier (una raccolta di tutti i documenti utili per l’iscrizione alla scuola estera).

Trimestre, semestre o anno all’estero. Come decidere quanto tempo stare all’estero?

La durata dipende dal tipo di liceo frequentato e dalla predisposizione dello studente per periodi più o meno lunghi fuori casa. L’intero anno scolastico è il periodo che permette un maggior apprendimento della lingua e un’immersione totale nella cultura del paese ospitante. Consigliamo inoltre di richiedere un colloquio con il dirigente scolastico/referente per la mobilità internazionale per verificare se la scuola sia favorevole all’esperienza. Anche in base a questo si può scegliere un periodo più o meno breve

Che livello di lingua deve avere lo studente per partire?

Il livello di lingua richiesto varia da destinazione a destinazione. Ad esempio, per gli Stati Uniti è richiesto un livello B1.

Ci sono paesi in cui si può andare da giugno a settembre così non si perde l'anno nella scuola italiana?

Ci sono molte possibilità per gli studenti che non vogliono o non possono perdere molti mesi di scuola. È possibile scegliere il trimestre estivo con partenza a luglio e rientro a settembre in Australia e Nuova Zelanda. In alternativa, sono disponibili programmi MINI a partire da 4 settimane in diverse destinazioni con partenze a partire da metà agosto.

Le materie italiane che non si studiano durante l'anno all'estero come vengono recuperate?

Alla partenza allo studente viene assegnato un tutor scolastico della propria scuola italiana. Sarà compito del ragazzo/a mantenere i contatti con lei/lui durante l’anno all’estero per essere aggiornato sul programma studiato dai compagni italiani. Ogni scuola stabilisce le proprie modalità di riammissione all’anno successivo. Per questo consigliamo sempre di richiedere il patto di corresponsabilità alla propria scuola italiana.

Se si frequenta il liceo classico dove è meglio andare per non perdere un anno di latino e greco?

La migliore destinazione per coloro che intendono continuare lo studio del latino e il greco è il Canada. Il programma classico non permette però di personalizzare la propria esperienza scegliendo una scuola in particolare, ma ci sono i programmi speciali che consentono di scegliere un preciso istituto scolastico o una materia oppure praticare uno determinato sport (clicca qui)

Si può partire con debiti scolastici?

Non è possibile partecipare al programma con uno o più debiti scolastici. È necessario discutere con la scuola la possibilità di recuperare la materia di studio prima della partenza. (E’ comunque sempre possibile stabilire una protezione annullamento clicca qui.

Come si capisce se la scuola che frequenta nostro figlio non "è favorevole" all'anno all'estero?

Il Ministero dell’Istruzione ha stabilito che le esperienze di studio all’estero sono parte integrante dei percorsi di formazione e di istruzione, pertanto questa esperienza non interrompe il percorso scolastico. La normativa riconosce infatti l’anno scolastico frequentato all’estero e consente di accedere alla classe successiva senza ripetere l’anno. Ogni scuola può comunque definire in autonomamente l’iter da seguire per il reinserimento alla classe successiva. Consigliamo a tutte le famiglie di richiedere un colloquio con il dirigente scolastico/referente per la mobilità internazionale per comprendere la posizione della scuola. Chiedi all’open day: come viene gestita la mobilità scolastica all’estero e se è possibile sottoscrivere un patto di corresponsabilità tra la scuola italiana e la scuola estera.

Qual è il sistema scolastico estero più simile al nostro?

L’Irlanda offre il sistema scolastico più simile al nostro per numero di materie studiate, attività extracurriculari disponibili e metodo di studio.

ANNO SCOLASTICO ALL'ESTERO: COME TI ORGANIZZI E COSA TI SERVE SAPERE

Nella GUIDA ALL'ANNO ALL'ESTERO E VACANZE STUDIO IN UN PAESE STRANIERO trovi tutti le informazioni pratiche e i consigli che ti servono. Li abbiamo raggruppati in due grandi sezioni:

  • L’anno all’estero per i ragazzi delle superiori: dalla preparazione al ritorno
  • Le vacanze studio (di tutti i tipi!) in un Paese straniero per bambini, ragazze e famiglie

 

Prossimi Open day School and Vacation: 9 novembre, 23 novembre e 14 dicembre ore 15

 

 

 


Aggiungi un commento

Image CAPTCHA

Anno scolastico all'estero la guida
Organizza l'anno di scuola all'estero

Può interessarti anche:

Iscriviti alla newsletter di Radiomamma

Leggi le ultime notizie pubblicate:

Scarica l'APP di
Radiomamma!