Inserimento al nido: il metodo dei tre giorni e quello tradizionale

I due tipi di ambientamento a confronto. Come funzionano, i punti di forza e i lati negativi e i consigli della psicologa alle mamme


Tempo di inserimenti al nido e alla scuola dell’infanzia. Pianti dei bambini e ansia e senso di colpa nelle mamme. E ‘il primo grande distacco tra mamma e bimbo. Si parla sempre più del modello svedese di inserimento in tre giorni in alternativa a quello tradizionale che prevede l’uso di un paio di settimane almeno. La psicologa e psicoterapeuta familyfriendly Sara Sainaghi ci ha aiutato a capire il modello dei tre giorni e ci ha dato consigli per i genitori che affrontano l’ambientamento al nido

INSERIMENTO AL NIDO: COME FUNZIONANO IL MODELLO SVEDESE DEI TRE GIORNI E QUELLO TRADIZIONALE

L’inserimento in tre giorni arriva dal Nord Europa. Bambino e genitore trascorrono al nido la prima intera giornata insieme. Insieme esplorano l’ambiente, conoscono educatrici e bambini vivendo sempre uno a fianco dell’altra la routine giornaliera. Il secondo giorno l’educatrice di riferimento è vicino a mamma e bimbo e il terzo giorno il genitore “lascia fare qualcosa” all’educatrice, sempre stando a fianco del piccolo, ma un po’ disparte. Il quarto giorno il genitore accompagna il bimbo al nido, lo saluta e va al lavoro. I bambini acquisiscono in tre giorni familiarità con gli spazi del nido e con l’organizzazione temporale di quell’ambiente che hanno imparato a conoscere insieme alla mamma o al papà.

L’inserimento tradizionale, il più usato nei nidi italiani, dura circa due settimane. Il bimbo frequenta il nido per qualche ora, con il genitore prima e poi senza. Il lasso di tempo trascorso nella struttura aumenta di giorno in giorno, fino ad arrivare alla frequentazione full time da soli.

Quali sono i lati positivi e negativi del modello svedese dell’ambientamento in tre giorni al nido?

Il punto di forza è che consente al bambino di conoscere esattamente la routine dell’asilo insieme al genitore. C’è tutto il passaggio della giornata insieme alla mamma. Per il piccolo vedere la mamma agire in quell’ambiente è rassicurante e questo velocizza l’ambientamento. In più anche la figura di riferimento si tranquillizza, testando in prima persona l’ambiente e le persone con cui lascia il figlio. Il lato negativo è che il bimbo resta subito al nido dalle 9 alle 1530 e questo ha per lui un alto costo energetico. Fa fatica a stare tutta la giornata all’asilo e con questo modello di inserimento lo stress è tutto da subito

Quali sono i lati positivi e negativi del modello tradizionale dell’inserimento al nido?

Il punto di forza è che il bimbo per le prime settimane sta sotto stress per un tempo minore, la gradualità temporale è meno faticosa per lui. Il lato negativo, oltre al lungo impegno per il genitore (due o più settimane) è che questo inserimento non consente al bambino di capire subito cosa lo aspetterà. Vive continui cambiamenti: un giorno la mamma sta con lui un’ora, un giorno di meno, quello dopo scopre che c’è anche la merenda e poi arriva la pappa e infine la nanna. Tutti questi cambiamenti gli impediscono di crearsi un’aspettativa (che è invece facile e immediata nell’ambientamento in 3 giorni). Ogni giorno una novità

Quali sono i consigli per i genitori durante l’inserimento al nido?

  • Non cambiare le abitudini a casa. “Prima del nido comincio a fargli meno coccole? Non gli do più io la pappa a casa” No, continua a fare quello che hai sempre fatto. Entrato al nido ci sarà tempo e spazio per avere nuove abitudini.
  • Non spaventarti mai davanti al pianto. È un cambiamento grosso, sia per il bambino sia per il genitore. Che ci siano difficoltà nell’inserimento (pianto, crisi al distacco) è normale. Questo non significa che c’è chissà quale problema, ma è semplicemente la prima vera separazione.
  • Aspettati reazioni. Durante l’ambientamento i bambini possono essere più arrabbiati, fare più capricci, risentirne nel sonno, essere molto attaccati a figura di riferimento. Vivono tante ore separati dai genitori e devono capire come funziona la novità della separazione e riunione. È la loro reazione allo stress, è normale
  • Decidi chi fa l’inserimento. Andrebbe fatto da chi di norma sta più tempo con il bambino, la figura con cui è abituato ad avere quotidianità
  • Comprendi i capricci e rispondi a tono. Pensa sempre che il capriccio è dato da uno stress emotivo. Se ha bisogno di un abbraccio in più, va bene. Se ha bisogno di più storie la sera per addormentarsi, va bene. Se vuole le caramelle perché “sono stato al nido” e se per te mamma la caramella era no prima, resta no anche ora. Accogli sempre l’emozione del bambino ma non va assecondato il suo capriccio
  • No al senso di colpa. Questa sensazione accompagna le mamme per l’eternità. Cerca di capire da dove nasce. Prenditi del tempo per razionalizzare che è una questione di scelte, il supereroe non esiste. Non puoi lavorare e fare la mamma a tempo pieno. Se vuoi o devi lavorare, già questo dovrebbe placare il tuo senso di colpa. Non c’è scritto da nessuna parte cosa è meglio per il bambino.

Alcuni bambini stanno iniziando ora la scuola dell’infanzia dopo due anni di Covid e spesso senza asilo nido. Per loro il primo inserimento arriva a 3 anni. Come comportarsi?

Per questi bambini l’inserimento in tre giorni sarebbe perfetto. La parte cognitiva del bimbo è più sviluppata a quest’età. Quindi digli cosa gli succederà, cosa farà. Il bimbo di quest’età va molto rassicurato con le parole oltre che con i gesti. Per lui non è chiaro dove è la mamma, quindi dagli dei riferimenti precisi. “Ti porto lì e stai con la maestra Sofia, dopo la merenda ti vengo a prendere”. Il tempo nella loro testa è diverso da quello nella nostra testa. Non hanno chiaro cosa vuol dire che la mamma torna. Hanno bisogno di tempo per capire come funziona. Anche in questo caso non disperarti se piangono o fanno “tragedie”, è tutto normale. Il segnale che va guardato è che vivano tranquillamente la loro giornata (questo ve lo possono dire solo le educatrici che sono con loro), la separazione piò continuare a essere difficile per un po’ di tempo. È tutto normale

 

Se hai bisogno di aiuto per la scelta del nido, ricorda Radiomamma for school, supporto e consulenza personalizzata sulla scelta della scuola. Dal nido alle superiori. Guarda il video: clicca qui.
Per avere maggiori informazioni e attivare la tua consulenza scrivici a info@radiomamma.it o chiama Carlotta al 338.6062005

 

 


Aggiungi un commento

Image CAPTCHA

Inserimento al nido
I consigli alle mamme sull'inserimento al nido

Può interessarti anche:

Iscriviti alla newsletter di Radiomamma

Radiomamma card Ottieni Radiomamma Card Scopri i vantaggi

Leggi le ultime notizie pubblicate:

Scarica l'APP di
Radiomamma!