Vacanze studio: genitori e figli insieme

Aumentano le proposte di soggiorni all’estero per famiglie intere. Come funzionano e cosa serve sapere…La testimonianza di una mamma


Hai poche ferie e hai però bisogno di perfezionare il tuo inglese per lavoro. Vorresti mandare tuo figlio/a all’estero quest’estate, ma “ti sembra ancora un po’ piccolo”. O hai un figlio/a che ha bisogno di un gesto di incoraggiamento per spiccare il volo fino all’estero… Hai voglia di un viaggio diverso, da fare con la tua famiglia... Sono tanti i motivi che spingono sempre più famiglie a scegliere la vacanza studio per famiglia.

VACANZE STUDIO ALL’ESTERO PER GENITORI E FIGLI INSIEME: VIAGGI E IMPARI L’INGLESE

Una settimana o due in un Paese straniero, genitori e figli insieme, ospitati in famiglie del luogo (o in appartamenti in affitto), con corsi di lingua nelle scuole del posto e tante attività con ragazzi e genitori di tutto il mondo. “Il primo anno ho scelto questa formula perché mia figlia (9 anni) secondo me era troppo piccola per partire da sola, ma volevo si innamorasse dell’inglese. E dopo? Dopo ci siamo divertite troppo per rinunciarci…e così siamo andate per quattro estati”, racconta Alessia Zucconelli, 43 anni, assistente sociale in aziende multinazionali. Lei e la figlia Ester sono state Canterbury e Brighton con School and Vacation, agenzia familyfriendly che organizza viaggi studio all’estero (da 1 settimana all’intero anno scolastico)

ESTATE A SCUOLA IN IGHILTERRA CON L’INTERA FAMIGLIA A STUDIARE L’INGLESE: UNA VACANZA PER GENITORI E FIGLI INSIEME

Il racconto di Alessia:

Perché hai scelto questa formula di vacanza?

L’inglese mi ha sempre interessato, ma professionalmente non lo uso. Ho fatto questa scelta per Ester, volevo si innamorasse dell’inglese e la formula “vacanza studio per famiglie” mi è sembrata la più protetta quando aveva 9 anni. E poi, una volta fatto, ho capito quanto quest’esperienza ci ha unito e così abbiamo continuato, anno dopo anno. Ora (che ha 13 anni) però vuole partire da sola!

Dove vivevate durante le vacanze?

Il primo anno abbiamo scelto di stare in un appartamento solo per noi, dal secondo anno siamo andate in famiglie ospitanti. Decisamente la soluzione migliore, sia per l’inglese (si parla molto e si migliora velocemente), sia per l’aspetto umano, la famiglia diventa un punto di riferimento. Siamo stati ospitati da una coppia un paio di volte e l’anno scorso da una signora, che faceva il mio stesso lavoro. E quindi avevamo tanto da raccontarci. C’erano anche una studentessa cinese e una tailandese. Le cene erano sempre molto chiacchierate e divertenti.

Come era la vostra giornata?

Ci alzavamo presto, colazione insieme alla famiglia e poi pullman verso scuola. Accompagnavo mia figlia in aula e poi andavo nella mia classe. La mattina si passava a scuola, poi ci si ritrovava tutti per pranzo, genitori e figli. Il pomeriggio era sempre diverso, tra momenti liberi e attività di gruppo organizzate. Il sabato gita tutti insieme. Poi la sera si tornava a casa e si cenava in famiglia. Con i nostri ospiti siamo andati a cena fuori qualche volta e a visitare le città e anche al mare.

Cosa hai guadagnato tu mamma in termini di lingua e di esperienza? E tua figlia?

Io come mamma ho un po’ rivissuto l’esperienza della vacanza studio fatta da giovane, ma non valorizzata nel modo giusto. Ne ho capito meglio tutti i vantaggi. E poi ho vissuto un periodo “diverso” dal solito: a 40 anni ritrovarsi a scuola, a condividere il banco con un’equadoregna di 20 anni, a ridere e parlare con ragazzi e adulti di varie età e vari paesi, è raro. Riesci a cogliere il valore di un’esperienza come questa e riesci a trasmetterla a tua figlia e a farla vivere a lei con più consapevolezza. Mia figlia ha migliorato tantissimo l’inglese e ha colto il valore dello scambio culturale. 

Quanto avete parlato inglese realmente?

Tanto. A scuola, tutto il giorno e poi la sera in famiglia. Con Ester provavo a parlare inglese, ma in camera la sgridavo in italiano!

Cosa vuol dire condividere una esperienza così rispetto alla vacanza normale in albergo al mare o al viaggio in un paese straniero?

È sicuramente più impegnativo, stancante ma ti arricchisce. Hai un periodo di tempo in cui la famiglia ha un obiettivo comune, che è l’apprendimento della lingua. E questo ti unisce. E poi hai giornate intere insieme, fai tutto insieme, fai squadra. Sicuramente il nostro rapporto si è stretto ancora di più

Serve avere un livello di inglese medio alto?

No…serve avere voglia di vivere un’esperienza arricchente con serenità

 

INFO

Info su vacanze studio all’estero per famiglie: clicca qui

Per Info scrivi a School and Vacation: WhatsApp è +39 375/5271312


Aggiungi un commento

Image CAPTCHA

Vacanze studio all'estero per famiglie
Settimane di vacanza studio all'estero per genitori e figli insieme

Può interessarti anche:

Iscriviti alla newsletter di Radiomamma

Leggi le ultime notizie pubblicate:

Scarica l'APP di
Radiomamma!