Genitori: un museo come alleato

Una visita al Mas per educare i nativi digitali alla distinzione tra vero e falso. Ecco come.


Un museo alleato dei genitori per educare alla distinzione tra vero e falso, reale e virtuale? E’ sìè anche questo il Museo d’Arte e Scienza, il museo familyfriendly dedicato all’accertamento dell’autenticità nell’arte. 

GENITORI: UN MUSEO PER AIUTARE AD EDUCARE, COSI'

“Funziona perché c’è la morale (scoprire che non tutto quello che sembra autentico lo è) ma i ragazzi la assorbono senza i limiti di una lezione frontale, ma interagendo e provando in prima persona”, spiega il direttore Peter Matthaes, che con la sorella Patrizia gestisce il museo fondato dal padre Gottfried Matthaes, appassionato d’arte e tecnologia era un fisico, da qui il connubio tra scienza e arte.

Cosa vedi in un museo sull’accertamento dell’autenticità nell’arte?

Ci sono una parte su Leonardo e un laboratorio scientifico dove si fanno i veri test per appurare se un’opera d’arte è vera. Poi c’è tutto il piano dedicato all’autenticità, che si può visitare da soli (ci sono percorsi ad hoc per i bambini) o con visite guidate. Mobili, ceramiche, sculture, dipinti, tappeti, arazzi…Sono esposti sia oggetti autentici sia falsi, con le spiegazioni per capire come riconoscere se si tratta di un falso o no. In tutte le sezioni ci sono test station con lenti di ingrandimento, luce di wood, microscopi, test olfattivi o sonori per imparare a riconoscere le caratteristiche di autenticità. L’idea è di fare provare in prima persona il visitatore, a qualunque età

 

Giocando a CSI avvicinate i bambini e soprattutto i teen all’arte?

E’ un modo per “attirare” soprattutto nell’età più difficile, dagli 11 anni in su, quando è difficile interessarli a quello che propongono i genitori. Qui si avvicina all’arte nelle sue diverse accezioni (mobili, dipinti, ceramiche …) e facendo una riflessione in più (è vero o falso?) che stimola un meccanismo che diventa un nuovo e stimolante approccio all’arte. Guardi, ma tocchi, fai, annusi…fai un’esperienza. E per le nuove generazioni, non abituate a “soffermarsi”, ma a passare da un’immagine all’altra, questo essere coinvolti è ciò che li attira e li porta a seguirti. E così si avvicinano all’arte 

 

Un museo “anti social”, per parlare dell’autenticità anche nella vita?

L’autenticità dell’opera d’arte ti spinge a ragionare sull’autenticità in tutti gli aspetti della vita. Oggi i giovani hanno difficoltà a vedere la diversità tra amico vero e amico sui social. I genitori possono aiutarli a parole, ma questo Museo può essere un alleato pratico perché ti dà un aiuto visivo, concreto da cui partire per fare il passaggio “come nell’arte esiste il vero e il falso, esiste anche nelle persone e ancora più nella rete”. Facciamo visite guidate con laboratorio annesso e con Pepita onlus lavoriamo proprio sull’autenticità nei social media.

 

Come fate a fare vedere che un dipinto non è vero?

Prendiamo un dipinto esposto. Ti avvicini con la lente di ingrandimento e ti facciamo vedere i dettagli che dimostrano che si tratta di una stampa a colori incollata su una vecchia tavola. A fianco invece ti avvicini a un dipinto davvero antico e vedrai con la lente tutte le caratteristiche dei vari restauri… Oppure guardi tre statuine di avorio in una sala. Col microscopio capisci subito quale è plastica (mancano i forellini dell’avorio) anche se sembrava autentica. Oppure due tavoli affiancati. Misurandolo fai la datazione del legno e capisci che uno ha solo le gambe autentiche…Insomma abitui l’occhio a distinguere i dettagli e questo è un aiuto anche nella vita reale e in quella virtuale dei ragazzi


Aggiungi un commento

Image CAPTCHA

Commenti

Replico alla replica... Replico alla replica... Replico alla replica... Replico alla replica...Replico alla replica... Replico alla replica... Replico alla replica... Replico alla replica... Replico alla replica...Replico alla replica... Replico alla replica... Replico alla replica... Replico alla replica... Replico alla replica...Replico alla replica...

Inviato da Altro nome (non verificato) il 13/09/2017 - 11:48

In reply to by Altro nome (non verificato)

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam, eaque ipsa quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt explicabo. Nemo enim ipsam voluptatem quia voluptas sit aspernatur aut odit aut fugit

Inviato da Altro nome (non verificato) il 13/09/2017 - 11:49

In reply to by Nome Test Commento (non verificato)

Questo è un commento

Inviato da Nome Test Commento (non verificato) il 12/09/2017 - 17:13

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur.

Inviato da Altro nome (non verificato) il 13/09/2017 - 11:37

PETER MATTHAES Prendiamo un dipinto esposto. Ti avvicini con la lente di ingrandimento e ti facciamo vedere i dettagli che dimostrano che si tratta di una stampa a colori incollata su una vecchia tavola. A fianco invece ti avvicini a un dipinto davvero antico e vedrai con la lente tutte le caratteristiche dei vari restauri… Oppure guardi tre statuine di avorio in una sala. Col microscopio capisci subito quale è plastica (mancano i forellin

Inviato da Altro nome (non verificato) il 13/09/2017 - 11:44
Genitori: un museo come alleato
Genitori: un museo come alleato

Può interessarti anche:

Iscriviti alla newsletter di Radiomamma

Leggi le ultime notizie pubblicate:

Scarica l'APP di
Radiomamma!