Milano: nasce una scuola-azienda per studenti Asperger

Si chiama Scuola Futuro Lavoro. La sfida di Massimo Montini, papà di un ragazzo Asperger: puntiamo all'inserimento in azienda e all'indipendenza. Così...


“Ho creato questa scuola per assicurare ai ragazzi come mio figlio un futuro di lavoro e di indipendenza”. Una sfida che per Massimo Montini, professione imprenditore, vuol dire molto più che formare studenti capaci di mantenersi economicamente.

Il suo Roberto ha la sindrome di Asperger, considerata una forma di autismo breve o ad alto funzionamento. Portarlo all’indipendenza significa capire i suoi interessi e talenti e trasformarli in punti di forza professionali compensando le fragilità comunicative e relazionali tipiche di chi ha la sindrome di Asperger. Il tutto, in un momento preciso della vita dei ragazzi, quando escono dalle superiori: “Dove vai se hai finito la scuola dell’obbligo, non riesci a entrare nel mondo del lavoro e non puoi andare all’università?”.

Grazie a Montini, questa domanda a Milano ha finalmente una risposta. Meglio, un indirizzo: viale Cassala 48/1. E’ qui che, a ottobre 2019, apre i battenti la Scuola Futuro Lavoro fondata da Montini con lo psicologo e psicoterapeuta Lucio Moderato come responsabile scientifico e con Antonella Bai come dirigente. Un istituto professionale che offre un’alternativa all’università ascoltando le esigenze di mercato con corsi di specializzazione nel settore tecnologico - graphic design, videomaking, web design, game design, it per l’industria 4.0, digital fabrication - che verranno presentati nell’open day del prossimo 29 giugno.

Per capire di più su questa scuola, abbiamo intervistato Montini proprio nel giorno del 17esimo compleanno di suo figlio Roberto.

Cosa ha di speciale Scuola Futuro Lavoro?

Massimo Montini: Ho immaginato una zona di passaggio dalla scuola superiore al lavoro, ma non un parcheggio, il suo contrario: un ponte. Intendiamo formare professionisti specializzati da inserire immediatamente nelle aziende. Il che significa offrire agli studenti le competenze pratiche al momento richieste dal mercato ma anche formarli su come ci si comporta in un contesto lavorativo, come si affronta un colloquio. Da imprenditore sono partito da qui: ci sono ragazzi Asperger capaci sul fronte tecnologico che potrebbero essere molto utili nelle mie aziende ma che probabilmente non passerebbero il colloquio di assunzione a causa delle loro fragilità nelle relazioni sociali. Immagino un albo con i nomi degli studenti che escono dalla nostra scuola e a fianco il nome dell’azienda che li ha assunti.

E’ una scuola solo per ragazzi Asperger?

MM: No, è una scuola che prepara tutti alla rivoluzione digitale in corso fortemente orientata alla domanda di professionalità del mercato. E’ una scuola pensata per ragazzi con fragilità sensoriali, molto sensibili alla luce e ai rumori forti e che hanno bisogno di aree di decompressione per gestire i momenti di ansia e di stress e per recuperare le energie. Da qui la luce tenue, le superfici essenziali studiate per eliminare inutili fonti di distrazioni, le pareti con le piante, i percorsi lineari tra le aule e, più in generale, una progettazione di spazi accoglienti di cui può beneficiare anche chi non ha la sindrome di Asperger.

Come è impostata la didattica?

MM: proponiamo due corsi base, design e informatica, e quattro di specializzazioni modulari. Con lezioni svolte da docenti che vengono dal Politecnico e da altri centri di eccellenza sulla tecnologia formati e affiancati da tutor esperti sul fronte Asperger e fragilità. La nostra sfida è creare un percorso formativo che tenga conto delle modalità di apprendimento di ogni singolo studente e che sia coerente con i suoi bisogni e talenti. Uno studente può essere perfetto per fare l’hacker, per un altro meglio immaginare e costruire un futuro da archivista.

 

A che età si entra in Scuola Futuro Lavoro e quanto costa frequentarla?

MM: Dopo la scuola secondaria superiore, a 18 anni. I corsi, modulari, costano dai 500 ai 1800 euro e sono previste borse di studio sostenute dalle aziende e dalla Fondazione Un futuro per l'Asperger.

 

Manca poco alla prima campanella, ha paura?

MM: Molti pensieri, come sarà avere tanti ragazzi con la sindrome di Asperger tutti insieme? Ce la faremo? Non posso garantire che sarà un successo ma certamente ce la metteremo tutta per vincere questa sfida.

 

I prossimi open day della scuola: sabato 29 giugno alle 14.30, sabato 13 luglio alle 15, sabato 7 settembre alle 15

Per maggiori informazioni: www.scuolafuturolavoro.it, info@scuolafuturolavoro.it


Aggiungi un commento

Image CAPTCHA

Studentessa in una scuola per ragazzi Asperger
La Scuola Futuro Lavoro per ragazzi con sindrome di Asperger

Può interessarti anche:

Iscriviti alla newsletter di Radiomamma

Leggi le ultime notizie pubblicate:

Scarica l'APP di
Radiomamma!